lucernario solare tubolare, tunnel solare, tubi solari, lightway

tubi solari tunnel solari LIGHTWAY








IL LUCERNARIO SOLARE PER L'ILLUMINAZIONE NATURALE DEGLI AMBIENTI



Il sistema LIGHTWAY si basa sul principio della cattura e riflessione dei raggi solari.
 E' ormai un prodotto consolidato e di riferimento per l'architettura sensibile al
risparmio energetico, all'efficenza energetica, alla valorizzazione di soluzioni
semplici e funzionali.

Con il lucernario tubolare si puo' fornire luce naturale e continua a tutti i locali ciechi
o con scarsa illuminazione presenti in un edificio. Infatti nelle abitazioni molto spesso
capita di dover gestire locali privi di finestre come bagni, cucine, ripostigli, scale, corridoi,
camere, scantinati, ecc..
Il tubo solare, grazie alla sua forma, trova ideale applicazione per illuminare i vari
ambienti che in un’abitazione, per motivi diversi, non hanno aperture verso l'esterno o
sono carenti di luce. Alcuni accessori inoltre consento anche di gestire un buon ricambio d'aria.
E’ la soluzione ideale in particolare nelle ristrutturazioni edilizie, quando si interviene
su edifici già esistenti dove sia necessario riqualificare gli ambienti dal punto di vista
dell’abitabilità.
I lucernari solari Lightway di ultima generazione sono il risultato di tecnologia ed esperienza
applicata e collaudata da migliaia di interventi in tutta europa.

COMPONENTI DEL TUBO SOLARE

Gli elementi che compongono il lucernario solare tubolare Lightway sono pochi:

- Cupola esterna di captazione della luce, nei diametri 200-300-400 in cristallo al sodio e potassio, un materiale eccezionale dal punto di vista ottico che garantisce una durata ed una resistenza agli agenti atmosferici che i materiali plastici non possono dare.
Progettata per ottimizzare la captazione della luce anche nelle giornate di cielo coperto, grazie alla tecnologia IRCG (Intelligence Ray Catcher Glass) riesce a recuperare il 30% in più di luce rispetto al lucernario tradizionale. La resistenza meccanica e la capacita' naturale di autopulirsi e' tipica del vetro.
- La scossalina/faldale di raccordo per il posizionamento della cupola viene proposta in vari modelli, ognuno specifico per l'impiego su copertura inclinata, piuttosto che su tetto piano o parete verticale.

***
- Il condotto riflettente in alluminio perfettamente liscio, viene prodotto con un trattamento chimico sofisticato, la "vaporizzazione sotto vuoto". In pratica le singole superfici vengono applicate gradualmente a strati microscopici, estremamente sottili. Il risultato è grande capacita' riflettente, pari al 99,8%, e la garanzia di durata nel tempo del condotto stesso e permette di offrire una garanzia di 25 anni per la superficie riflettente.

- Curve a 45° e 90° regolabili per le variazioni di direzione e il superamento di eventuali ostacoli nel percorso dalla cupola al diffusore, sono realizzate con lo stesso prodotto riflettente usato per il condotto.

***
- A completamento del tubo solare abbiamo un diffusore circolare con cornice di chiusura a soffitto. Il diffusore Lightway è prodotto in vetro al sodio e potassio e dotato di strato ottico antiriflettente a base di ossido di titanio. Il piano in vetro, migliora la diffusione della luce del 15% rispetto al diffusore in plastica in quanto riduce di molto il ritorno della luce all’interno del tubo. La cornice finale inseribile a incastro, completa in maniera elegante e sobria un diffusore circolare dalla forma classica, facilmente confondibile con un normale lampadario.

 
POSIZIONAMENTO DEL TUNNEL SOLARE

La scelta del posizionamento della cupola di captazione, del condotto riflettente e del diffusore
naturalmente richiedono alcune considerazioni specifiche per ogni elemento,..

ricordate che quando si studia il posizionamento del tubo solare, vanno valutati una serie di fattori
che avranno influenza sia sul costo che sul risultato del nostro lavoro,...
quindi nella valutazione entrano in gioco:

1) la posizione della cupola
2) il percorso che deve fare il condotto
3) il diametro del condotto
4) il posizionamento del diffusore
5) la scelta di eventuali accessori

vediamo come gestirli in maniera pratica,.........


POSIZIONE DELLA CUPOLA
- la cupola, ove possibile, va sempre posizionata dove possa ricevere luce solare diretta per il maggior numero di ore durante l'arco della giornata,.. quindi l'ideale è in posizione elevata, sul tetto vicino al colmo, in falda o sollevata mediante un torrino in muratura come un piccolo camino,... questo gli consente di ricevere e trasmettere efficacemente tutta la luce disponibile nelle migliori condizioni,.. in alternativa si puo' posizionare in parete verticale, in terrazza, in giardino o in qualsiasi posizione privilegiando uno spazio meglio illuminato,..

- La posizione della cupola determina la scelta della relativa scossalina/faldale piu' idonea allo specifico impiego,...
*** 
PERCORSO DEL CONDOTTO
- il condotto riflettente, naturalmente dovra' essere piu' corto possibile,.. questo perche'
meno componenti signica minor costo ma sopratutto maggiore efficenza,... infatti un percorso composto da vari metri di tubo e sopratutto l'impiego di curve, sara' giocoforza piu' costoso e meno efficente di un percorso corto e diretto,...


SCELTA DEL DIAMETRO DI CONDOTTO PIU' ADATTO 

la scelta del condotto solare piu' adatto è determinato da:
- la superfice da illuminare,
- la posizione ottimale della cupola (ricordiamo sempre che il sistema non produce ma riflette la
luce che trova, quindi una posizione non ottimale della cupola dovra' essere compensata da un
  diametro maggiore),
- la lunghezza e il numero di curve inserite nel percorso,
- la possibilita' di mascherare il tubo nelle stanze che puo' essere necessario attraversare,..

In funzione alla superfice da illuminare e alle caratteristiche di percorso, abbiamo la possibilita' di
scegliere vari diametri di condotto:

- il diametro da mm. 150 (HP200) e' adatto per locali sino a 6 mq. Particolarmente utile nelle
ristrutturazioni, quando si deve attraversare locali dove l'ingombro del condotto puo' causare
problemi. Data la dimensione ridotta puo' agevolmente venire incassato nello spessore delle
pareti e attraversare i piani senza creare particolari difficolta'. Il diametro da 150 mm.
resta comunque un prodotto "di emergenza" appunto per necessita' particolari non gestibili
diversamente.

- il diametro da mm. 220 (HP300) adatto per locali sino a 9 mq. è da considerare il prodotto base.
Anche questo diametro consente l'integrazione del condotto nelle pareti, e pur essendo ancora
una misura contenuta riesce a dare sempre ottime performace di luminosita' anche su percorsi
impegnativi.

- il diametro da mm. 320 (HP400) adatto per locali sino a 13 mq. è in assoluto il prodotto ideale
per risolvere qualsiasi problema di luce in qualsiasi ambiente. Certamente il piu' performante
anche con percorsi lunghi, con piu' curve o con un posizionamento della cupola di ricezione
non ottimale,...

la tabelle delle rese medie per ogni tipologia ci puo' fornire un'ulteriore aiuto,..


notare la corrispondenza con una lampadina da 100 w,..
questa valutazione e' sicuramente la piu' impegnativa, richiede molta attenzione e quasi sempre
un compromesso tra le varie possibilita' di scelta,...



Nel caso di percorsi particolarmente tortuosi o con distanze superiori ai 10 mt si dovra' considerare comunque dei rendimenti ridotti, in ogni caso sempre nettamente superiori rispetto
a prodotti alternativi presenti sul mercato, con elementi di ricezione non adeguati o peggio
con condotti riflettenti corrugati o estensibili, meno funzionali allo scorrimento e alla riflessione della luce.


****

POSIZIONAMENTO DEL DIFFUSORE

- il diffusore è circolare ed e' composto da due elementi, uno e' la base che porta il vetro al sodio e potassio, dotato di strato ottico antiriflettente a base di ossido di titanio. Grazie al vetro, la resa è aumentata del 15% rispetto al corrispondente diffusore in plastica, in quanto viene significativamente ridotto il ritorno della luce all’interno del tubo.

Il posizionamento ideale è al centro della stanza. Ma non e' sempre possibile per varie ragioni. Spesso il condotto scende da una parete laterale e portare il diffusore a centro stanza richiederebbe una controsoffittatura che ruba spazio. In questo caso si consiglia di installare il diffusore tra parete e soffitto, mediante un piccolo elemento in cartongesso posto a 45° per distribuire meglio la luce nell'ambiente. Stesso discorso se il condotto termina su un'angolo della stanza. Questa soluzione consente un gradevole risultato estetico e una funzionale soluzione tecnica che riduce costi e componenti e migliora il rendimento del prodotto.
 
SCELTA DEGLI ACCESSORI

Nell'impiego residenziale dei tunnel solari, spesso si presenta la necessita' di integrare la gestione
della luce con il ricambio di aria nell'ambiente. In questo caso proponiamo alcuni accessori
sicuramente utili.

KIT LUCE

- il punto luce e' un accessorio sicuramente tra i piu' utili e usati. E' composto da un gruppo portalampada con finitura cromato lucido, dove e' possibile inserire una lampadina a basso consumo che permette di usare il lucernario solare come un lampadario nelle ore notturne.

****

KIT VENTILAZIONE FORZATA

- il sistema di ventilazione forzata, integrata al tubo solare Lightway, ideale quando l'ambiente non comunica con l'esterno, prevede un colletto particolare che crea uno spazio tra soffitto e diffusore attraverso il quale un motorino elettrico aspira l'aria, mettendo il locale in depressione (particolarmente utile in bagni ciechi) ed espelle l'aria e gli odori all'esterno attraverso un condotto adeguatamente predisposto,...
****
KIT OSCURATORE ELETTRICO

- il sistema di oscuramento per la gestione della luce in eccesso o per ambienti come le camere da letto, consente attraverso un sistema a farfalla comandato da un motorino elettrico, di ridurre o aumentare la sezione di passaggio all'interno del condotto. Otteniamo cosi' il controllo completo del lucernario solare in qualsiasi momento.

****
BLUE PERFORMANCE



- Il sistema Blue Performance è una novità esclusiva di Lightway, e' costituito da un condotto
riflettente Lightway con inserito all’interno dei diaframmi in vetro + gas Argon, in grado di
eliminare eventuali dispersioni di calore attraverso il condotto, mentre all’esterno il sistema è
completato da un elemento in polistirene per garantire il perfetto isolamento e l'eliminazione
di ponti termici,...

Viene proposto esclusivamente per i modelli HP300 e HP400 in due versioni:

- Blue Performance LWBP 1.0 - U = 1.0W/(m2.K)
Vetro isolante : doppio strato 4/16/4 con Argon
Isolamento termico esterno: Polistirene XPS
Spessore isolamento termico: mm. 120

- Blue Performance LWBP 0.6 - U = 0.6W/(m2.K)
Vetro isolante: triplo strato 4/16/4/16/4 con Argon
Isolamento termico esterno: Polistirene XPS
Spessore isolamento termico: mm. 120


POSA IN OPERA DEL SISTEMA LIGHTWAY

La messa in opera di un lucernaio solare ha tempi di esecuzione sono molto ridotti, condizionati
prevalentemente dalle opere murarie, è molto semplice e prevede le seguenti operazioni:

- Rimozione di parte della copertura, tegole,
 coppi, ecc...
- La esecuzione del foro di passaggio del
  condotto sulla falda di copertura, (diametro
  condotto di +10 mm.) ed eventuale foro sul
  solaio sottostante,..
- Posizionamento della scossalina/faldale e
  l'eventuale riposizionamento degli elementi di
  copertura,...
- L’inserimento del tubo e fissaggio della cupola
  secondo istruzioni,
- Il completamento del tunnel, fino al
  raggiungimento del diffusore nel vano da
  illuminare;
- La chiusura del diffusore a soffitto, all'interno
  dell'ambiente.


Questo sistema di illuminazione è la soluzione ideale per unità abitative individuali o nei casi
di riqualificazione edilizia di interi edifici.



La possibile illuminazione di locali posti a due o tre piani sotto la falda del tetto, e' realizzabile sia
attraverso condotti verticali inseriti nello spessore dei muri, sia esternamente mediante i condotti
gestiti come canne fumarie, sia con percorsi orizzontali dove la cupola viene prevista in parete.



L'insieme non presenta particolari difficolta' anche se va posta attenzione al posizionamento
corretto della scossalina/faldale per impedire possibili infiltrazioni di acqua piovana e alla saldatura
delle giunzioni tra i componenti del condotto con il nastro adesivo fornito di serie.
Normalmente sono operazioni gestibili da un muratore specializzato.

Copyright © 2017 Techin di Zucchiatti Danilo - Part. IVA 03585900263 - CCIAA TV R.E.A. 282408